Il Déjà Vu cronico: la sindrome di Louis Bar


Molta della letteratura pubblicata sul déjà vu ha avuto origine sia una prospettiva psicodinamica che parapsicologica, data la natura inusuale dell’esperienza.


Il déjà vu è un’esperienza piuttosto comune e universale. Il déjà vu è la misteriosa, momentanea sensazione di aver già visto o vissuto situazioni mai incontrate prima. L'esperienza è il più delle volte accompagnata dalla consapevolezza che non si tratta realmente di una evento già vissuto e l'esperienza "precedente" è perlopiù attribuita ad un sogno. In alcuni casi invece c'è la convinzione che l'esperienza sia "realmente accaduta" nel passato, unita a un senso di "soprannaturalità" o "stranezza". Spesso il senso del tempo è alterato durante il déjà vu.


Nella maggior parte dei casi le persone sperimentano emozioni quali sorpresa, eccitazione, irrealtà, disorientamento e, più raramente, emozioni spiacevoli. Alcuni provano sentimenti di angoscia, ansia, apprensione, paura, inquietudine e confusione. Generalmente queste emozioni a carattere negativo non emergono durante l’esperienza ma successivamente.


Gaynard fa una distinzione tra déjà vu per eventi (la sensazione di aver già vissuto un evento) e déjà vu per luoghi (la sensazione di essere già stato in quel luogo).


Il jamais vu è il contrario del déjà vu. In questo caso uno stimolo familiare viene percepito come se fosse incontrato per la prima volta. La persona sa che è successo prima, ma l'esperienza non le è familiare.

Il jamais vu è meno comune del déjà vu e questo in parte spiega perché non è ben studiato nella letteratura psichiatrica. Il fenomeno non si verifica in individui sani, se non in un modo molto fugace.

Sebbene entrambi siano stati in passato considerati disturbi della memoria, oggi si ritiene che hanno a che fare con processi dissociativi.


Déjà vu: la prospettiva neurofisiologica

Le persone sperimentano il déjà vu a partire dalla seconda infanzia, e più frequente nell’adolescenza e diminuisce con l’invecchiamento. Quindi sembra che possa avere a che fare con lo sviluppo del cervello.


Ricerche recenti hanno indicato che l'esperienza della familiarità è associata all'attivazione di una particolare area cerebrale che fa parte della regione mediale del lobo temporale.

Quando si incontra uno stimolo, il lobo temporale mediale si attiva in modo appropriato e sorge una normale sensazione di familiarità con i ricordi di accompagnamento di eventi vissuti in precedenza. Tuttavia, se il lobo temporale mediale viene attivato in modo inappropriato in risposta a uno stimolo non familiare, un individuo può sperimentare familiarità senza ricordi di accompagnamento, producendo la sensazione di déjà vu (Vignal et al., 2007).


Sembra che la regione temporale sia l'origine dei fenomeni di déjà vu sia in individui sani che in soggetti con condizioni neurologiche e psichiatriche.

Nei pazienti psichiatrici il fenomeno del déjà vu è frequente nei soggetti con ansia e nelle persone con fenomeni di derealizzazione e depersonalizzazione.


La sindrome di Louis Bar: il déjà vu patologico


Il déjà vu è un’esperienza che molte persone vivono: circa i due terzi della popolazione mondiale lo ha sperimentato almeno una volta. Eppure, il déjà vu cronico è anomalo ed è spesso la conseguenza di danni neurologici.

Il primo caso di déjà vu cronico venne descritto alla fine del 19 ° secolo dal dottor Arnaud.


Louis Bar, un ufficiale dell’esercito francese, venne ricoverato nella Casa della Salute di Vanves a causa di alcuni strani sintomi. Confondeva il presente con il passato e aveva la costante sensazione di rivivere all’infinito momenti accaduti anni o mesi prima.

Una volta giunto nella struttura, sostenne di esservi già stato, nonostante le numerose prove a dimostrazione del fatto che fosse la prima volta che vi entrava. Era persino convinto che il medico stesse fingendo di non conoscerlo. Quando Louis vide per la prima volta Arnaud, si comportò nel modo in cui le persone si comportano quando incontrano una persona sconosciuta. Subito dopo, l'espressione di Louis divenne molto più gentile e familiare. Disse al dottore che si conoscevano già, che si erano incontrati un anno prima nella stessa stanza e che gli stava facendo le stesse domande di allora.

Louis era convinto che la ripetizione delle esperienze passate fosse assolutamente reale.

Il déjà vu patologico di Louis si diffuse successivamente in più aree della sua vita e divenne più frequente. Al matrimonio di suo fratello, ad esempio, ricordava di aver assistito alla stessa cerimonia un anno prima, con gli stessi ospiti, nello stesso luogo e con tutti i dettagli posizionati in modo identico. Disse che non capiva perché ripetessero di nuovo il matrimonio.


Lo studio di Arnaud è fondamentale per due motivi. In primo luogo, è tra i primi articoli della letteratura scientifica a descrivere l'esperienza del déjà vu patologico. In secondo luogo, il caso clinico di déjà vu delirante e persistente, anticipa casi segnalati di recente con sintomi simili che stanno cominciando a guadagnare interesse come una particolare forma di disturbo della memoria e dissociativo.


614 visualizzazioni