Tecniche di Approfondimento dell'Ipnosi 

approfondimento.jpg

Una volta indotto lo stato ipnotico, è necessario che questo venga mantenuto e approfondito. Sebbene il grado di profondità dell'ipnosi non sia legato alla risposta terapeutica, sembra che, per produrre alcuni fenomeni ipnotici come la regressione, l'analgesia, ecc., è richiesta una profondità maggiore.

L'approccio tradizionale pone maggiore enfasi rispetto all'approccio naturalistico, sulla profondità dell'ipnosi e sull'utilizzo di tecniche per approfondire la trance.

 

L’ipnosi è un processo continuo e quasi ogni tecnica di induzione può essere utilizzata come tecnica di approfondimento, così come molte tecniche di approfondimento possono essere usate come tecniche di induzione. 

Esiste una grande varietà di tecniche di approfondimento e di seguito verranno illustrate le principali. 

 

Ipnosi frazionata 

Questa tecnica consiste nel deipnotizzare il paziente diverse volte durante la medesima seduta. In altre parole, dopo aver ottenuto una trance ipnotica, si chiede al paziente di risvegliarsi e successivamente lo si induce nuovamente in ipnosi. Questo avviene per un numero variabile di volte. Generalmente, se il paziente ha raggiunto una buona trance, è sufficiente risvegliarlo una sola volta e procedere quindi con un ulteriore processo di induzione. In altri casi la procedura viene ripetuta più volte finché non si ritiene che il soggetto abbia raggiunto un’adeguata profondità ipnotica.

Prima di risvegliare il soggetto si possono dare suggestioni post ipnotiche per agevolare l’approfondimento. Ad esempio, mentre il soggetto è ancora con gli occhi chiusi gli si può dire  che a breve verrà risvegliato, ma una volta riaperti gli occhi, avrà solo voglia di richiuderli e quando si saranno chiusi di nuovo, il sonno sarà ancora più profondo.

Ad ogni modo, qualunque cosa egli faccia, bisogna incorporare il suo comportamento in successive suggestioni. Il frazionamento è considerato la migliore tecnica di approfondimento.

 

Il Silenzio

I periodi di silenzio hanno alle volte, l’effetto di approfondire lo stato ipnotico. L'operatore può preannunciare che rimarrà in silenzio per un po', suggerendo al paziente che quando ricomincerà a parlare, il sonno sarà diventato ancora più profondo. Alcuni autori pensano che questi periodi di silenzio permettono alle suggestioni di ottenere il suo intero effetto e diano modo allo stato ipnotico di svilupparsi a pieno.

Il periodo di silenzio può variare da qualche secondo a qualche minuto, dopo il quali si riprende con il procedimento. Si tratta essenzialmente di un metodo passivo per approfondire la trance.

 

Approfondimento con suggestioni di sonno

Un metodo efficace usato per approfondire l’ipnosi, è quello di dare gradualmente e in forma ripetitiva, suggestione di stanchezza, di desiderio di sonno e riposo, di sonnolenza crescente e di progressiva perdita di interesse per gli eventi esterni. 

 

L'uso dei fenomeni ipnotici

Quando si produce un fenomeno ipnotico attraverso specifiche suggestioni, la ratifica del fenomeno può essere usata per approfondire la trance ipnotica. Lo sviluppo di fenomeni quali catalessi, analgesia, amnesia, ecc., viene ratificata dall'operatore, mostrandone al paziente le manifestazioni visibili. Ciò determina un approfondimento spontaneo dell'ipnosi.

Per sfruttare maggiormente questo aspetto, l'ipnotista può associare ai fenomeni ipnotici che si producono, suggestioni di profondità della trance, dicendo ad esempio nel caso della catalessi del braccio:

"Così come il tuo braccio è sospeso a mezz'aria senza provare sensazioni di fatica, così il tuo stato di torpore diventerà ancora più profondo"

Il soggetto, avendo sperimentato la catalessi, è più suscettibile alle successive suggestioni. Ogni qual volta una suggestione produce il suo effetto, l'operatore può usare questo elemento, per rendere la trance più profonda.